| Home | Mappa |
 
 
COSA INTENDIAMO PER UN "SANO STILE DI VITA" E QUANTO ESSO PUO' FAVORIRE LA NOSTRA SALUTE
“Mens sana in corpore sano”: formula ideale sin dai tempi più antichi, ma che non sia nell’attualità questo concetto arrivato ad essere estremizzato o travisato?

In una società sempre più basata sull’apparenza non dovrebbe forse confondersi un sano stile di vita con un ideale estetico inarrivabile.

Fondamentale sotto questo aspetto è certamente il profilo nutrizionale.
L’alimentazione, per potersi definire sana, dovrebbe senza ombra di dubbio caratterizzarsi come equilibrata.
Ed ecco che equilibrio ci pare esser il concetto attorno al quale far orbitare la nostra riflessione.

Oggi sono sempre più diffuse diete eccessivamente restrittive, le quali, escludendo a priori alcuni generi alimentari o contemplando uno scarso apporto calorico, si rivelano carenti di nutrienti essenziali per lo sviluppo ed il mantenimento di un sano equilibrio corporeo.

Pertanto, al di là della dieta in voga al momento, crediamo che per parlare di “sano stile di vita” occorra adottare una visuale ben più ampia.

Nell’epoca della digitalizzazione, l’utilizzo di device in qualsiasi attività quotidiana ha modificato in maniera drastica il nostro modo di rapportarci con gli altri, finendo per stravolgere completamente il profilo sociale.

Attraverso i social network, l’interazione appare continua e costante, pur rivelandosi ad un’analisi più approfondita distaccata e sterile.

Ne è lampante esempio il fatto che smartphone ed applicazioni siano giunti a scandire i ritmi della nostra giornata, a conteggiare i passi compiuti o le calorie ingerite.

Se talvolta si tende erroneamente a credere che un “sano stile di vita” sia legato esclusivamente all’alimentazione o allo sport, a nostro parere rivestono invece un ruolo essenziale il rispetto dell’ambiente e degli spazi comuni in cui viviamo, quello delle tradizionali norme di educazione civica e, in modo fondamentale, quello degli individui con cui interagiamo.

In conclusione, riteniamo sia necessario dare priorità alla ricerca di un bilanciamento tra benessere individuale ed armonia sociale, piuttosto che focalizzarsi sul raggiungimento di obiettivi standardizzati spesso imposti dall’esterno.

In fondo, uno “stile di vita sano” finisce per rivelarsi “più sano” se condiviso.



Federico Ascanelli, Davide Baraldi, Chiara Bartoli, Elisa Bartoli, Alberto Baschieri, Erika Bezzanti, Riccardo Castellini, Francesca Calzolari, Pietro Calzolari, Tommaso Calzolari Alessandro Coroli, Martina Girone, Giulia Magelli, Vittoria Stefani, e Alberto Zanfrognini.


Torna allo spazio giovani

Provincia di Modena  Comune di Modena